COMMENTO ALLA CIRCOLARE 5_08 ENPALS SUGLI ADEMPIMENTI PREVIDENZIALI PER I CANTANTI IN SALA D’INCISIONE di Massimo Pontoriero

COMMENTO ALLA CIRCOLARE 5_08 ENPALS SUGLI ADEMPIMENTI PREVIDENZIALI PER I CANTANTI IN SALA D’INCISIONE di Massimo Pontoriero
L’ENPALS ha emesso in data 15 aprile 2008 la circolare n° 5 di chiarimento delle prassi di applicazione del DM 29/12/03, che introduce a partire dal 2004, adempimenti previdenziali innovativi per le prestazioni dei cantanti in sala d’incisione.
Si nota immediatamente che, come confermato dall’archivio delle circolari presente sul sito dell’Ente, non risulta mai emessa alcuna circolare, né nel 2004 ne successivamente fino ad oggi su tale DM, come si evince anche dal richiamo della delibera del C.d.A. n.52 del 23/03/06.
Comunque sia, per la prima volta una norma interviene sulla controversa questione degli adempimenti contributivi relativi alle prestazioni rese in sala di incisione da musicisti. Da tempo infatti si succedevano svariate e contrastanti interpretazioni in materia, a causa dell’assenza di una definizione giuridica del concetto di “spettacolo“.
Va infatti ricordato che la giurisprudenza è stata finora incostante al riguardo, talora ammettendo (ad es. Cass. n. 12824/2002, richiamata nel messaggio n. 2 del 2002 dell’ENPALS, nonché dalla Corte d’Appello di Brescia il 15 gennaio 2004, successiva al Decreto), in virtù dell’applicabilità analogica del regime assicurativo in ogni caso si manifesti il semplice requisito dell’appartenenza ad una delle categorie obbligatoriamente iscritte all’ENPALS, talora negando (addirittura la Cassazione n. 1585 del 2004, anch’essa successiva al Decreto) l’assoggettabilità all’obbligo contributivo delle prestazioni in oggetto, avvalendosi della nozione ristretta di “spettacolo“ come attività svolta di fronte ad un pubblico, in rapporto immediato e diretto con l’artista.
Il Decreto del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali in data 29 dicembre 2003 (pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 17 del 22 gennaio 2004) ha introdotto, rilevando un’assenza di contrattazione collettiva e individuale, le retribuzioni convenzionali per la determinazione degli adempimenti previdenziali minimi dovuti per i cantanti impiegati nell’ambito delle suddette prestazioni. In tal modo ha affermato solo implicitamente l’applicabilità per tali prestazioni degli obblighi previdenziali, con particolare riferimento a quelli di natura pensionistica ENPALS, quando riteniamo sarebbe stato opportuno precisarne esplicitamente l’obbligatorietà.
Continua a leggere

FONTI:
Decreto del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali del 29 aprile 2010

Analisi sul Decreto

Circolare con chiarimenti ENPALS

Circolare proroga ENPALS

Circolare con precisazioni ENPALS

Decreto del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali del 29 dicembre 2003

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *